Home > News, Società > Delegittimazione a mezzo bomba

Delegittimazione a mezzo bomba

treno-crociato-smallDestabilizzare per stabilizzare. Dalla strage di piazza Fontana, nel lontano 1969, al rapimento ed omicidio Moro, la storia è piena di episodi orchestrati da mandanti occulti per aggregare l’opinione pubblica attorno ai poteri “conservatori”. Nel libro Il golpe inglese c’è una buona ricostruzione degli obiettivi e delle strategie messe in atto dai servizi di Stati esteri per soggiogare la volontà del popolo italiano. È la famosa strategia della tensione.

In riferimento alla bomba recapitata alla redazione de La Stampa, è possibile dimenticare questi fatti? Il mandanti della bomba sarebbero “frange estremiste infiltrate nei NO TAV”. Un ordigno definito “micidiale” e “sofisticatissimo”, che “poteva provocare una strage”, eppure rimasto inesploso. È lecito chiedersi perché? È davvero un “miracolo”? O infondo non si voleva che esplodesse? Chi è che ha le competenze per assemblare bombe così sofisticate? O queste presunte competenze tecniche sono uno strumento mediatico usato per alzare il livello dello scontro? Destabilizzare per stabilizzare. È già successo centinaia di volte. Sarà un caso, ma i commenti di Caselli, Fassino e Napolitano sono in perfetta linea con questa strategia.

Cartesio avrebbe dovuto insegnarci a dubitare delle verità assolute. Soprattutto se queste verità sono suggerite dai poteri forti.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: