Home > Società > Cos’è la destra? Cos’è la sinistra? (…e i neo-borbonici)

Cos’è la destra? Cos’è la sinistra? (…e i neo-borbonici)

Capitalism-neob

Continuando il discorso sulla fine delle ideologie, i due luoghi comuni più in voga sono la fine della dicotomia destra-sinistra e fascismo-antifascismo. Riporto qui due link con contributi fondamentali, che danno (tra le altre cose) delle indicazioni su cos’è destra e cos’è sinistra e cos’è fascismo e antifascismo, andando un po’ oltre le distinzioni basate sul taglio di capelli o la faccia che c’hai disegnata sulla maglietta.

[Il più odiato dai fascisti. Conversazione su Furio Jesi, il mito, la destra e la sinistra]

[Se l’antifascismo riconosce autoritarismo solo dove c’è la svastica]

WM1 riporta delle definizioni di “destra” e “sinistra”, tanto semplici quanto efficaci, eccole:

la distinzione primaria tra sinistra e destra è proprio questa:

per la sinistra ogni società è costitutivamente divisa al proprio interno, perché ci sono interessi contrapposti e contraddizioni intrinseche. I conflitti principali avvengono lungo le linee di queste contraddizioni, che sono principalmente di classe e di genere, e derivano dai rapporti di proprietà (se ci sono i poveri è perché ci sono i ricchi), di produzione (gli sfruttatori non fanno gli interessi degli sfruttati), di “biopotere” (esistono dispositivi che favoriscono i maschi a scapito delle femmine) etc. Da questa premessa generale, che vale per tutta la sinistra, derivano numerose visioni macrostrategiche: socialdemocratica, comunista, anarchica… Tutte si basano sulla convinzione che la società sia in partenza divisa e diseguale e le cause della diseguaglianza siano endogene.

per la destra, invece, la nostra società era un tempo armoniosa e concorde, ma oggi non lo è più per colpa di agenti esterni, intrusi, nemici che si sono infilati e confusi in mezzo a noi e ora vanno ri-isolati ed espulsi. A seconda dei momenti, corrispondono all’identikit il musulmano, l’ebreo, il negro, lo slavo, lo zingaro, il terrone, il comunista che tifa per potenze straniere, il “pervertito” (da dove saltano fuori tutti ‘sti froci? Una volta mica c’erano!), la “Casta” intesa come altro da noi, la finanza ridotta ai complotti di “speculatori stranieri”, ”Roma” etc.

Uno dei fenomeni politici attuali (che forse dovrei semplicemente ignorare, ma non ci riesco) è quello dei movimenti meridionalisti-indipendentisti, che per semplicità chiamerei neo-borbonici. Il loro è un esempio lampante di discorso di destra. Essi infatti sostengono che un tempo il meridione era una società “armoniosa e concorde”, che poi arrivarono gli “agenti esterni” — i piemontesi —, che quindi vanno espulsi rifondando in qualche forma lo stato delle due-sicilie.

Tra i sostenitori di questi movimenti e partiti ci sono senz’altro persone che in buona fede credono che un altro stato, con altro nome e altra capitale possa essere la soluzione alla questione meridionale. Con un nuovo stato ci sarebbero sicuramente nuovi posti di lavoro nella burocrazia, nuove poltrone su cui sedersi, nuovi culi che si adagiano sul velluto. Per questi deratani, in effetti, sarebbe una svolta positiva. Diverso è il discorso che deve fare chi ha a cuore le sorti delle classi basse, dei precari, dei lavoratori, dei contadini: questa non è la loro lotta!

Già nel risorgimento in buona fede molti hanno fatto lo stesso errore, hanno seguito il mito di Garibaldi credendo che lo stato dei piemontesi potesse portare la libertà che i borbone negavano. A loro spese hanno scoperto che la brutalità del potere è sempre la stessa anche se cambia nome e bandiera. Non rifacciamo ora gli stessi errori in senso opposto, non insceniamo una farsa dopo la tragedia.

Lo stato è una macchina manovrata dalle classi dominanti — il famoso 1% — per controllare e reprimere le classi subalterne. Quale sia la bandiera, il nome e la capitale dello stato che ci opprime, poco conta. Al cavallo da soma non importa di che colore sia la frusta che lo colpisce. Mettiamo le nostre forze e la nostra rabbia al servizio di un battaglia più importante, quella contro il dominio dell’uomo sull’uomo, e quindi contro ogni stato. La lotta delle classi subalterne è quella di distruggere gli stati, non di crearne di nuovi.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 6 marzo 2013 alle 23:23

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: