Nel nome della proprietà privata

tumblr_inline_mgkni1eZ141rdkuyiLo chiamano copyright. E’ un altra maniera per dire proprietà privata quando l’oggetto è di natura immateriale. Aaron Swartz aveva 26 anni, era un genio, pare abbia contribuito più lui allo sviluppo di internet che tanti altri messi insieme, ed era un attivista a favore del P2P e dell’open source. Tra il 2010 e il 2011 ha scaricato qualcosa come 4 milioni di articoli scientifici protetti da copyright dalla biblioteca online JSTOR, tramite la rete del MIT. Per questo era sotto processo e rischiava fino a 50 anni (50!) di galera. L’11 gennaio 2013 Aaron è stato trovato morto nel suo appartamento a Brooklyn, pare si sia suicidato.

La proprietà privata non è un furto: è omicidio.

 

Un pensiero riguardo “Nel nome della proprietà privata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...