2 giugno ed i nostri (veri) ragazzi

Negli ultimi anni una certa visione destrorsa del mondo ha cercato di attribuire ai militari italiani in missione l’appellativo: “i nostri ragazzi”. Soldati inviati (con gravi perdite) in teatri di guerra a difendere fumosi interessi nazionali, mai del tutto chiariti.
Poi, d’improvviso, il doppio terremoto in Emilia  ci ha portati ad una visione più consona della realtà: i nostri ragazzi (emiliani, marocchini, indiani, romeni o terroni) sono gli operai, che, giorno dopo giorno, costruiscono il Prodotto Interno Lordo italiano e giorno dopo giorno muoiono a lavoro.
Il PIL è considerato il più importante indicatore di ricchezza di un paese ed il lavoro è l’unico vero produttore di valore, quindi non si può negare che i veri difensori dell’interesse nazionale siano gli operai. Operai che muoiono nel doppio terremoto emiliano, sotto il crollo di capannoni malsicuri.
Operai, i nostri veri ragazzi.

Un pensiero riguardo “2 giugno ed i nostri (veri) ragazzi

  1. concordo al 1000%, non aggiungerei una parola. ma nessuna meraviglia, dato il mare melmoso di retorica in cui viviamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...