Home > News, Società > Sentenze

Sentenze

Vi ricordate “Sentenza” (Lee Van Cleef)? Lo spietato ed infallibile killer  de “Il buono, il brutto, il cattivo”; si chiamava così proprio per l’impossibilità di sottrarsi alla sentenza espressa da un giudice. Purtroppo anche questa è oramai finzione cinematografica.
Gli operai, Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, delegati Fiom nello stabilimento Fiat di Melfi, dopo essere stati licenziati (senza giusta causa) hanno vinto il ricorso. Devono essere reintegrati.
Nella sentenza contro la FIAT si legge: “nulla più che misure adottate per liberarsi di sindacalisti che avevano assunto posizione di forte antagonismo, con conseguente immediato pregiudizio per l’azione e la libertà sindacale”.
Ciò nonostante FIAT, pur pagando gli stipendi, non reintegra ancora i tre operai.

Il tentativo di riforma dell’articolo 18, con l’eliminazione del reintegro da alcuni tipi di licenziamenti, va inserito il questo clima di insofferenza verso il qualunque tipo di regolamentazione, dalla difesa ambientale alla difesa dei diritti dei lavoratori. Tutto per il profitto.
Le sentenze tipo questa, contro l’arroganza di Marchionne, ormai vengono aggirate, ma è meglio eliminarle del tutto.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: