Home > Economia > Comanda il denaro

Comanda il denaro

Tutti noi capiamo più o meno consciamente la doppia natura del denaro. Da un lato i soldi facilitano enormemente le transazioni commerciali, grazie all’atto di fede che alla presentazione di una banconota  verrà corrisposto il relativo controvalore in merce. Dall’altro lato il fatto che il denaro sia assolutamente indispensabile per il commercio attribuisce una funzione di controllo del capitale.
Il grande regista Stanley Kubrik definiva il film Spartacus (capolavoro cinematografico degli anni ’60) il suo unico lavoro da impiegato. Questo perché contrariamente a tutti gli altri suoi film Kubrik non ne era il produttore, quindi non ne aveva il controllo.
In qualsiasi campo si prenda in esame chi finanzia una data attività ha l’ultima parola su di essa.
Questo ci porta all’istituzione economica che gestisce la circolazione del capitale: la banca.
Le banche finanziando chi “gli piace di più” determinano la strada dello “sviluppo” economico. Il punto è che le banche sono istituzioni private. Ciò significa che il fine ultimo della loro attività di controllo dei capitali è il profitto dei propri azionisti.
Quindi da un lato impongono le loro scelte a tutta l’economia, dall’altro tutelano esclusivamente i propri interessi.
Questa è la base delle ripetute crisi economico-finanziarie che viviamo ciclicamente.
La soluzione evidente a questo conflitto è la nazionalizzazione delle banche. Ciò sottrarrebbe il controllo dell’economia a chi bada solo ai cazzi suoi, riaffidando allo Stato la funzione di indirizzo dello sviluppo del paese.

Annunci
  1. Claudio Rubano
    19 dicembre 2011 alle 20:12

    Nazionalizzare le banche con uno stato mafioso clientelare come il nostro ci porterebbe al disastro. Pensiamo ai finanziamenti facili elargiti dalle banche per ottenere favori politici e pensiamo a cosa succederebbe se non dovessero neanche rendere conto a degli azionisti. Non so quale sia la soluzione ma non può essere questa

  2. k30ore
    28 dicembre 2011 alle 13:07

    Lo stato mafioso e clientelare che abbiamo non nazionalizzerà le banche, semplicemente perchè non vuole farlo, non può farlo, non deve farlo. Infatti non lo fa, e non è neanche lontanamente all’ordine del giorno. Una scelta radicale come questa può avvenire solo in seguito a un cambio di paradigma, ed è proprio di questo che stiamo parlando. D’altra parte, sostenere che nazionalizzare le banche non è un’opzione poichè lo stato di cose attuale non lo permette è un po’ come uno che ha bisogno di un trapianto di cuore per salvarsi la vita ma lo esclude perchè il suo medico è un pessimo chirurgo. La soluzione é che bisogna cambiar medico 🙂

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: